Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul blog Giardini in Viaggio

Isola madre dal battello

Sono tornata a fine aprile al giardino botanico dell’isola Madre sul Lago Maggiore con un gruppetto di appassionati con la nostra Associazione lavenese Piante Guerriere.
Siamo stati fortunati perchè c’erano ancora le ultime fioriture delle camelie, rododendri e azalee in piena esplosione di colori (troppo accesi per i miei gusti ma comunque assai scenografici) e le stupende fioriture dei glicini di tante specie e varietà lungo la galleria che porta al lago.
Devo dire che in questa stagione anche le composizioni floreali nei vasi –  che in estate solitamente sono troppo sfacciate – erano molto delicate nei toni primaverili dei colori freddi, bianco, azzurro e giallo pallido.

Ecco alcune immagini

Un vanitoso pavone in posizione per farsi ammirare

Illicium floridanum

geranium-maderense nella serra della terrazza delle protee

telopea-am-warratah

Una gigantesca Rosa banksiae Lutea abbarbicata su un cedro

magnolia-acuminata-yellow-bird

Una esplosione bianca di un gruppo di pallon di maggio (Viburnum opulus)

Una pergola di glicini

La lunga galleria con la collezione di glicini che scende al lago

wisteria-brachybotris

Wisteria sinensis